Biglietti Concerti

Biglietti ConcertiPrendi l'ultima sera al Campania ECOFestival con il Teatro Degli Orrori

Il concerto visto con gli occhi, la pancia e lo stomaco di Carla Freddo, estimatrice del Teatro Degli Orrori, fervida ascoltatrice di musica a 360░ che questa volta ha prestato la voce a Rockout, ma non per cantare.

Prendi l'ultima sera al Campania ECOFestival con il Teatro Degli Orrori

Dopo la serata finale del Campania ECOFestival di ieri sera, ribadisco il concetto espresso nel novembre scorso dopo l'ennesimo concerto de Il Teatro Degli Orrori: Per me rimane ancora la band italiana più forte.

L'amore malato, l'amore finito,l'amore ferito e che ferisce, che ti pugnala alle spalle e ti incattivisce, l'amore egoista,l'amore che ti distrugge, l'amore paterno e l'amore dolce, quello potente, viscerale, che ti cambia, che ti guarisce e che non passa mai.

"Accarezzarti la schiena, se non altro i capelli, per non perderti mai, ma non è l'amore che ci spinge a vivere una vita così".

Di questo e di tanto altro parla Pierpaolo Capovilla, ma l'amore non manca mai, l'amore è il motore di tutto.
Cavi di chitarre e basso direttamente infilzati nelle vene di un uomo che butta il sangue sul palco, si denuda e racconta di sè con rabbia, rimpianto, rimorso.

"E' colpa mia se siamo diventati indifferenti più poveri più tristi e meno intelligenti. E' colpa mia, non presto mai troppa attenzione, 
perché non prendo posizione, mi crolla il mondo addosso 
se ci penso, non me ne frega niente
".

Denuncia a squarciagola i mali dei nostri tempi e l'indifferenza delle classi politiche .
"Questo è un paese di merda!" dice. 
Un uomo che se non fai salire su quel palco a dire la sua, cos'altro l'avresti messo a fare?!? Come lo mantieni ad uno così, come lo tieni buono?!? Ogni risposta equivarrebbe a uno spreco di talento, uno spreco di energia. Un poeta, un uomo di grande cultura, uno che quando parla devi ascoltarlo bene, recepire il messaggio, apprenderlo. Lui sta lì, su quel palco, a bruciare come come una supernova che ti colpisce con le sue dure e crude verità che ti arrivano dritte in faccia e allo stomaco e devi incassare:

"Se non nasci milionario sei spacciato per sempre[...]
sporchi speculatori finanziari
fuoriusciti da una tela di Gosz
decadenti perché mai deceduti
io, se fossi dio, farei piazza pulita[...]
opulenti e grassi egoismi quotidiani di coloro che,
li ho visti io, osservano il mondo attraverso un imbuto
e sputano, sbavano, eiaculano
il seme della discordia in quell' imbuto
sul pianeta intero
come se fosse roba loro
come se non ci fossero i popoli
come se non ci fosse la gente
come se non ci fossero le persone
in carne ed ossa
tutti con il sacrosanto diritto
di esserci anche loro
come se non ci fossero gli animali, nostri fratelli minori
non ci fossero i fiumi, né il mare, né un cielo
né un sole, né una luna, niente di niente
tutto, stramaledetti, si comprano tutto
anche il pugno di mosche con il quale
certamente in mano presto o tardi
resteremo tutti quanti
senza amore ne stima reciproca
io sono e mi sento solo
cazzotti e suppliche
bestemmie e preghiere
io mi odio, e vorrei morire"

Si fa portavoce di giuste cause, parla per chi non puó farlo, per chi ha qualcosa di importante da dire ma non viene ascoltato, parla per chi non c'è piú. Ha infatti denunciato l'avidità e la sete di potere che si celano dietro i grandi interessi economici delle società petrolifere, che senza scrupoli camminano sulla vita umana con cinismo e indifferenza, sorte toccata a Giulio Regeni. 

Con Slint e Benzodiazepina (il farmaco più venduto al mondo) fa presente che Il Teatro degli Orrori sostiene la Campagna per l’abolizione della contenzione meccanica promossa dal Forum Salute Mentale.
Tastiere stridenti, basso cupo e corposo, chitarre acide e potenti e batteria violenta suonata con i guanti neri, stile serial killer.
Come al solito non si smentiscono mai, è stato un concerto da paura, sotto il segno rosso sangue de Il Teatro degli Orrori che risaltava dietro le loro spalle, stile graffito sul muro, come  "respirare l'aria di Londra e quell'odore di underground".

Pierpaolo Capovilla e le sue interpretazione da "Teatro", da pelle d'oca, esempio d' uomo la cui spiccata intelligenza e dolente sensibilità lo rendono solo in mezzo a tanti fan, e così tanto consapevole di atrocità e ingiustizie della vita e del mondo da star male e desiderare di distruggersi.
Per me rimane ancora la band italiana più forte. Lo ripeto ancora. 
La musica ti cambia la vita.  

Pubblicato il 12 Giugno 2016 da Carla Freddo

Commenti degli utenti alla pagina:

Non ci sono commenti per questa pagina.

Commenta : (richiesto)

: (richiesta, non sarÓ pubblicata)

: (richiesto)





Inserire il codice antispam nella casella di testo sottostante

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Inserisci la tua email per ricevere gli aggiornamenti sui Concerti in Italia

TOP 10 CONCERTI

#CONCERTODEL
1 Benevento, Benevento 27-08-2017
2 Crotone, Crotone 27-08-2017
3 Spal, Ferrara Di Monte Baldo 27-08-2017
4 Benevento, Benevento 10-09-2017
5 Verona H., Verona 10-09-2017
6 Crotone, Crotone 17-09-2017
7 Sassuolo, Reggio Emilia 17-09-2017
8 Spal, Ferrara Di Monte Baldo 17-09-2017
9 Benevento, Benevento 20-09-2017
10 Verona H., Verona 20-09-2017

Il biennio 2013-2015 è ricchissimo di concerti dal vivo per il nostro Paese.

Nella sezione Biglietti Concerti di Rockout trovi i biglietti di tutti i concerti in programma in Italia.

Il sito consulta ogni 15 minuti le offerte per i biglietti dei concerti presenti on-line, e pubblica i link per acquistarli sui siti sicuri.

biglietti concerti rock
biglietti concerti italia
biglietti concerti

 


Mappa del sito