Biglietti Concerti

Biglietti ConcertiPercorsi esistenziali. Andy racconta i Fluon e il suo addio ai Bluvertigo.

La mente creativa dei Bluvertigo, ospite a Studio 35 Live per presentare Naked. "Per me Morgan non esiste più".

Percorsi esistenziali. Andy racconta i Fluon e il suo addio ai Bluvertigo.

L’ incontro con Andy, Fabio Mittino e Fabrizio Grigolo negli spazi di Studio 35 Live, il programma TV di musica indipendente ideato e condotto da Nicodemo, in onda sulle frequenze di SEI TV, il canale visibile nel centro sud Italia, sul digitale terrestre. Un mini concerto dove i Fluon, la nuova band dell’ex tastierista e mente creativa dei Bluvertigo, presentano il nuovo e primo singolo uscito lo scorso febbraio dal titolo Naked e un progetto che fonde un set electro minimal ad un live.

 
D: Fluon è innanzitutto è un progetto che abbraccia pittura, arti visive e design ed è l’attività che in questi anni ti vede attivo al di là dell’esperienza con i Bluvertigo. Qual è il comune denominatore che unisce le arti visive dei Fluon, come laboratorio creativo, ai Fluon, come nuovo progetto musicale?
Andy: Il mio obiettivo è parlare la stessa lingua in ogni disciplina attraverso un percorso creativo che consta, in questo caso, nell’abbattimento delle etichette e, in questo caso,  del genere musicale. In effetti stiamo facendo quello che ci piace fare, unire alle sonorità elettro la scuola chitarristica di Fabio Mittino e il suono da club di Faber. Prima di trovare questa sinergia ho impiegato molti anni e, ora come ora, la cosa che maggiormente ci stimola è il fatto che ci stupiamo giorno per giorno l’uno dell’altro. Anche la mia pittura è il prodotto di un percorso creativo che segue un concetto esistenziale unico, un flusso energetico vero, proprio come succede nei Fluon.  E’ un idea partita molto tempo fa che ha avuto diverse difficoltà perché mi mettevo spesso in discussione e perché vivevo ancora con l’alone della reunion coi Bluvertigo, Poi quando ci siamo conosciuti bene e lo abbiamo sentito vero, allora abbiamo deciso di dare vita a questo progetto, ecco perchè posso dire che non è assolutamente una situazione di comodo quella che ci vede insieme. Senza di loro non sarei mai riuscito a mettere su questa cosa.
 
D: Ho letto che Naked è nato nove anni fa e sarei curioso di capire come è stato concepito e qual è il significato che dai alla parola “nudo” in questo pezzo?
Andy: Il testo è stato scritto da un’amica più che carissima, Claudia Tanasi , e parla di una notte di profondo disagio dove sei nudo nel traffico, in condizioni mentali artefatte e totalmente nudo rispetto alle tue difficoltà, al tuo disagio e senza una vera ragione. Il brano ha avuto un’evoluzione musicale molto ampia perché doveva far parte di un mio progetto solista a cui stavo lavorando con il primo chitarrista dei Bluvertigo, Marco Pancaldi. Naked nasce solo grazie a loro (indicando Fabio e Faber) a Marco Trentacoste che si è occupato del missaggio e alle batterie di Pat Mastellotto dei King Crimson. E’ stato uno smontare un lavoro di anni per poi rimontarlo secondo ciò che siamo oggi e posso garantiti che non è stato semplice.
 
D: Cosa vuol dire per Andy scrivere un disco lontano dai Bluvertigo e da tutto ciò che hai condiviso con loro? E’ un percorso che ha a che vedere anche col coraggio di dire chi sei oggi?
Andy: Guarda, Milano è la città che i Bluvertigo hanno vissuto per tutto il tempo che li ha visti insieme, un pedigree a volte preso con una credibilità sovraccessoriata. Qui però ho avuto modo di sviluppare ciò che mi piaceva di più.  All’interno dei Bluvertigo ero il coloratore degli arrangiamenti e delle idee creative per i videoclip, cosa che oggi metto a disposizione dei Fluon. Io sono per la condivisione, dove ognuno è necessario e non aspetta altro che il suggerimento del suo compagno di viaggio. Questa cosa con i Bluvertigo si era dimenticata nel tempo. Vuoi per questioni gerarchiche, vuoi per questioni di malformazione cerebrale del cantante, non era più possibile interagire davvero, era diventato solo un tapparsi le ali in continuazione. Serviva a poco avere un potenziale creativo altissimo o soldi a sufficienza per stare tutto il tempo in studio se ciò che eri veniva utilizzato solo al 9%. Era diventato molto complicato. Adesso il discorso è diverso, è un meccanismo energetico attivo dove il suggerimento di ognuno è preziosissimo. Poi il tutto viene fatto anche con pochissimi soldi, nell’autonomia e nell’indipendenza, altro mio punto cardine fondamentale. Non voglio più avere a che fare con le agenzia di booking che ti mangiano i soldi o le case discografiche, a mio parere non è più tempo del vecchio retaggio, come dice il grande Mittino. Il vecchio retaggio non sta più in piedi ed è stupendo riscoprirsi nell’underground, tornando a divertirsi a 40 anni, ballando, mettendo ancora il rossetto, girare video clip fatti in casa e pure in full hd!
 
D: Come pensate di proseguire per i Fluon? Avete già pronto un album?
Fabio Mittino: Non abbiamo nessuna aspettativa perché l’aspettativa è una prigione, quindi meglio non seguire questo tipo di pensiero. Per ora non c’è il desiderio di pubblicare un album perché, come si faceva una volta con i 45 giri, vogliamo trattare ogni brano come singolo e pubblicarlo insieme al video.
Andy: Semmai proprio un 45 giri in vinile, da conservare.
Fabio Mittino: Si, un 45 giri che possa soddisfare la sete feticistica degli appassionati. Per quanto riguarda la casa discografica, oggi come oggi non credo sia una necessità. Con l’avvento di internet, la discografia può essere vista negativamente, causa la pirateria, ma anche positivamente perché consente ad una band di rimanere indipendente e, al tempo stesso, di mantenere il pieno controllo sulla propria musica. Questa cosa è indispensabile per il nuovo mondo nel quale già viviamo, il web appunto,  ma di cui non abbiamo ancora una visione precisa. Senza nulla togliere ad un mercato discografico che vive anche grazie alle etichette indipendenti che fanno benissimo il loro lavoro,  noi pensiamo di adottare un’altra strada e quindi come ti dicevo, di produrre tanti 45 giri.
 
D: Io sono tra quelli che ha assistito alla vostra reunion  al Neapolis Rock Festival del 2008….
Andy: Ah si, quando arrivò con quattro ore di ritardo!!! Bah…Guarda, io credo sia una fortuna grandissima poter suonare in festival come il Neapolis Rock, che è una delle più forti e consolidate realtà musicali del nostro paese. Lo spreco di possibilità mi ha sempre infastidito, quindi trovo paradossale quando il cantante della band, nonché quello che ci mette la faccia e i testi, non viene alle prove e magari non viene alle date in tempo. Lo stesso Dave Gahan dei Depeche Mode, sull’orlo del suicidio, non ha mai mancato una data e lo stesso Kurt Kobain non ha mai ciccato una data. Mi  fa ridere il pensiero che Marco Castoldi possa tirare dei bidoni di più di 40 minuti agli amici che l’hanno supportato per così tanto tempo. Non mi stupisce se possa ancora parlare di una futura trilogia, ma avverrà senza di me. Io ho elaborato un lutto e questa persona non esiste più. Questo è stato un grosso passaggio esistenziale per me. Un incontro che mi ha cambiato la vita e adesso per continuare la mia vita scelgo di non avere a che fare con la sua di vita.
 
D: Non ti chiedo allora cosa hanno in programma i Bluvertigo.
Andy: Non ne ho la più pallida idea.
 
Rockout ringrazia Fabio Monetti per le foto, Nicodemo e Studio 35 Live
Fabio Monetti Studio35live.it

Daniele Mazzotta

 

Pubblicato il 13 Aprile 2012 da Daniele Mazzotta

Commenti degli utenti alla pagina:

Non ci sono commenti per questa pagina.

Commenta : (richiesto)

: (richiesta, non sarà pubblicata)

: (richiesto)





Inserire il codice antispam nella casella di testo sottostante

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Inserisci la tua email per ricevere gli aggiornamenti sui Concerti in Italia

TOP 10 CONCERTI

#CONCERTODEL

Il biennio 2013-2015 è ricchissimo di concerti dal vivo per il nostro Paese.

Nella sezione Biglietti Concerti di Rockout trovi i biglietti di tutti i concerti in programma in Italia.

Il sito consulta ogni 15 minuti le offerte per i biglietti dei concerti presenti on-line, e pubblica i link per acquistarli sui siti sicuri.

biglietti concerti rock
biglietti concerti italia
biglietti concerti

 


Mappa del sito